venerdì 20 settembre 2019

Ricordi attuali di un vecchio viaggio nell’America del sud






Affascinante Rio Napo, uno dei tanti affluenti del fiume maestoso che dà il nome alla regione amazzonica prima di sfociare a Belém dopo aver attraversato tutto il Brasile. Mi trovavo all’inizio della foresta i cui fiumi attraversano l’America latina da ovest a est, dal Rio Napo fino al Rio delle Amazzoni, laddove la storica resistenza delle comunità Shuar[1] ci ricorda che una rivolta di fronte al sopruso è pur sempre possibile. Quella notte, a El Coca[2], mentre io dormivo incosciente e tranquillo tra le braccia di Stella, la mia compagna di viaggio, le frecce degli Aucas[3] scagliate nella notte contro le pareti delle case in legno dei civilizzatori (che stavano appunto eliminando gli Aucas in quanto “selvaggi”) risaltavano come un urlo di rabbia impotente di fronte al sopruso assoluto. Inutile dire che come nel Far-west mi sono sentito assolutamente dalla parte degli indiani.
Le frecce di quelle ultime decine di “selvaggi” la cui biosfera di sopravvivenza era distrutta dal “progresso” – rappresentato dai distruttori di foreste, prezzolati per abbattere gli alberi e trovare il petrolio abbondante nella zona – mi erano già sembrate, in quei tempi ormai lontani, delle freccette innocue sul bersaglio affisso in un pub di Londra dove la birra scorre a fiumi. Almeno così le ho vissute con dolorosa tristezza quando ho attraversato in piroga l’Oriente ecuadoriano che da Puerto Misahuallí  porta a S. Francisco de Orellana.
In quell’ormai lontano 1978, quei dardi primitivi, inconsistenti quanto rispettabili, non erano in realtà diversi dagli attuali belati ecologisti nell’infausto ventennio iniziale del ventunesimo secolo, ciclo che sta finendo tra i sorrisi idioti e le smorfie mostruose dei nuovi gerarchi del vecchio fascismo di ritorno.
Perché i Bolsonaro e i Trump, come il più ridicolmente provincialotto Salvini, sono solo dei mostri programmati per lasciare lavorare tranquilli i burocrati, i banchieri e i loro maggiordomi servili di cui Macron è un simbolo disinfettato e lucidato. Sono questi ultimi che realizzeranno gli obiettivi inconfessabili, ma sempre più evidenti, del capitalismo in fase terminale. Il loro lavoro consiste infatti nel far finta di porre un limite, se non di opporsi, all’idiozia letale dei mostri di regime prodotti da una democrazia corrotta, fondata sull’analfabetismo politico delle masse, come ogni fascismo strutturale – al di là delle apparenze, cioè dello spettacolo.


Scegliete dunque, cittadini addomesticati, tra i mostri vomitanti e i servitori educati al galateo democraticista che criticano le urla becere per farne passare in sordina, con le buone maniere (ma mica sempre), gli effetti indesiderabili. Dittatura esplicita o democrazia rappresentativa sono le due facce di una stessa medaglia produttivista che altera definitivamente la natura e la vita che la anima, distruggendo gli equilibri biologici necessari alle forme di vita di cui l’umano fa parte.
Con l’antropocene il mondo della natura umana è stato forse separato definitivamente dalla natura globale, dal suo funzionamento orgastico e dalle possibilità di umanizzazione della natura all’interno del processo vitale complessivo. Nella fase terminale del capitalismo, il lavoro morto, ormai al parossismo della valorizzazione economica, non sopporta assolutamente più quello vivo perché ormai la vita e il lavoro dei morti viventi sono incompatibili: l’una è attività gioiosa e sensuale, spesso faticosa ma che non conosce la noia, l’altro è schiavitù umiliante e assassina che impone lo sfruttamento e l’alienazione e non conosce altro piacere che il consumo degli esseri e delle cose.
Rispetto alla vita vera poco importa se, come un tempo, il signore dispotico del tuo corpo di schiavo può ucciderti con un colpo di spada o di fucile, per capriccio, per esempio o opportunità, oppure se, come ora, il sistema produttivista padrone del tuo tempo di vita, trattandoti da concittadino che vota ed è libero di scegliere la merce preferita, ti fa morire lentamente fin dalla nascita, producendo, tra inquinamento e catastrofi climatiche e sociali, un avvizzimento mortifero del piacere di vivere ridotto a sopravvivenza precaria. Altro che aumento della speranza di vita!
Svegliandomi nel povero hotel di El Coca, una quarantina di anni fa, ho sentito già allora, prepotente, l’angoscia di una specie in pericolo, mentre gli ultimi indios di un genocidio plurisecolare si aggiungevano agli innumerevoli “selvaggi”– barbari senza culottes né gilet – finiti nella fossa comune in cui giacciono le vittime di una civiltà criminale ormai planetaria.

Sergio Ghirardi (il Sauvageon), 20 settembre 2019


[1] Chiamati a torto Jivaros, parola che nella lingua di quei fieri tagliatori di teste (le ben note tsantsas) significa “nemici, selvaggi”.
[2] Così è abitualmente chiamata la città di S. Francisco de Orellana.
[3] Il cui nome è piuttosto Huaonoris perché, non a caso, anche Aucas significa “selvaggi” (in quechua).

domenica 1 settembre 2019

Interview à Raoul Vaneigem par le journal Le Monde




Les mots en caractères rouges ont eté supprimés dans la version publiée

Interview à Raoul Vaneigem
par le journal Le Monde

Samedi 31 aout 2019


Quelle est la nature de la mutation – ou de l’effondrement – en cours ? En quel sens la fin d’un monde n’est-elle pas la fin du monde, mais le début d’un nouveau ? Et quelle est cette civilisation que vous voyez, timidement, poindre sur les décombres de l’ancienne ?
Bien qu'ayant échoué à mettre en œuvre le projet d'une autogestion de la vie quotidienne, le Mouvement des occupations, qui fut la tendance la plus radicale de Mai 1968, pouvait néanmoins se prévaloir d'un acquis d'une importance considérable. Il avait suscité une prise de conscience qui allait marquer un point de non-retour dans l'histoire de l'humanité. La dénonciation massive du Welfare State [Etat providence] – de l'état de bien-être consumériste, du bonheur vendu à tempérament  avait porté un coup mortel à des vertus et à des comportements imposés depuis des millénaires et passant pour d'inébranlables vérités : le pouvoir hiérarchique, le respect de l'autorité, le patriarcat, la peur et le mépris de la femme et de la nature, la vénération de l'armée, l'obédience religieuse et idéologique, la concurrence, la compétition, la prédation, le sacrifice, la nécessité du travail.
L'idée s'est alors fait jour que la vraie vie ne pouvait se confondre avec cette survie qui ravale le sort de la femme et de l'homme à celui d'une bête de somme et d'une bête de proie. Cette radicalité, on a cru qu'elle avait disparu, balayée par les rivalités internes, les luttes de pouvoir, le sectarisme contestataire ; on l'a vue étouffée par le gouvernement et par le Parti communiste, dont ce fut la dernière victoire. Elle fut surtout, il est vrai, dévorée par la formidable vague d'un consumérisme triomphant, celui-là même que la paupérisation croissante assèche aujourd'hui lentement mais sûrement.
Et pourtant, malgré la récupération et le long étouffement de ce mouvement d’émancipation, quelque chose était en train d’advenir ?
C'était oublier que l'incitation forcenée à consommer portait en elle la désacralisation des valeurs anciennes. La libération factice, prônée par l'hédonisme de supermarché, propageait une abondance et une diversité de choix qui n'avaient qu'un inconvénient, celui de se payer à la sortie. De là naquit un modèle de démocratie où, les idéologies s'effaçaient au profit de candidats dont la campagne promotionnelle était menée selon les techniques publicitaires les plus éprouvées. Le clientélisme et l'attrait morbide du pouvoir achevèrent de ruiner une pensée dont le dernier gouvernement en date ne craint pas d'exhiber l'effarant délabrement.
Cinq décennies ont fait oublier que sous la conscience prolétarienne, laminée par le consumérisme, se manifestait une conscience humaine dont un long assoupissement n'a pas empêché la soudaine résurgence. La civilisation marchande n'est plus que le cliquetis d'une machine qui broie le monde pour le déchiqueter en profits boursiers. Tout se grippe par le haut. Ce qui naît par le bas, ce qui prend sa substance dans le corps social, c'est un sens de l'humanité, une priorité de l'être. Or l'être n'a pas sa place dans la bulle de l'avoir, dans les rouages de la mondialisation affairiste. Que la vie de l'être humain et le développement de sa conscience affirment désormais leur priorité dans l'insurrection en cours est ce qui m'autorise à évoquer la naissance d'une civilisation où pour la première fois la faculté créatrice inhérente à notre espèce va se libérer de la tutelle oppressive des Dieux et des maîtres.

Depuis 1967, vous ne cessez de décrire l’agonie de la civilisation marchande. Pourtant, celle-ci perdure et se développe chaque jour davantage à l’ère du capitalisme financier et numérique. N’êtes-vous pas prisonnier d’une vision progressiste (ou téléologique) de l’histoire que vous partagez avec le néolibéralisme (tout en le combattant) ?
Je n'ai que faire des étiquettes, des catégories et autres tiroirs de rangement du spectacle. L'inconvénient d'un système qui se grippe, c'est que son dysfonctionnement peut durer longtemps. Nombre d'économistes n'en finissent pas de pousser des cris d'orfraie dans l'attente d'un krach financier inéluctable. Catastrophisme ou non, l’implosion de la bulle monétaire est dans l'ordre des choses.
L'heureux effet d'un capitalisme qui continue d'enfler à en crever, c'est qu'à l'instar d'un gouvernement qui au nom de la France réprime, condamne, mutile, éborgne et appauvrit le peuple français, il incite ceux d'en bas à défendre avant toute chose leur existence quotidienne. Il stimule la solidarité locale, il encourage à répondre par la désobéissance civile et par l'auto-organisation à ceux qui rentabilisent la misère, il invite à reprendre en mains la res publica, la chose publique ruinée chaque jour davantage par l'escroquerie des puissances financières. Que les intellectuels débattent des concepts à la mode dans les tristes arènes de l'égotisme, c'est leur droit.
On me permettra de m'intéresser davantage à la créativité qui va, dans les villages, les quartiers, les villes, les régions, réinventer l'enseignement bousillé par la fermeture des écoles et par l'éducation concentrationnaire ; restaurer les transports publics ; découvrir de nouvelles sources d'énergie gratuite ; propager la permaculture en renaturant les terres empoisonnées par l'industrie agro-alimentaire ; promouvoir le maraîchage et une nourriture saine ; fêter l'entraide et la joie solidaire. La démocratie est dans la rue, non dans les urnes.
 Parler de « totalitarisme démocratique » ou de « cupidité concentrationnaire » à propos de notre monde est-ce une façon adéquate de décrire la réalité ou bien de la surenchère révolutionnaire ?
Dénoncer les oppresseurs et les manipulateurs ne me parait plus nécessaire, tant le mensonge est devenu évident. Le premier venu dispose de ce que l'on pourrait appeler «l'échelle de Trump» pour mesurer le niveau de déficience mentale des falsificateurs, sans recourir au jugement moral. Mais l'important n'est pas là. Il a fallu des années de décervelage pour que Goebbels puisse estimer que « plus un mensonge est gros, mieux il passe. » Qui a aujourd'hui sous les yeux l'état du secteur hospitalier et dans les oreilles les promesses d'améliorations ministérielles n'a aucune peine à comprendre que traiter le peuple en ramassis d'imbéciles ne fait que souligner le ravage psychopathologique des gens de pouvoir.
Je n'ai d'autre choix que miser sur la vie. Je veux croire qu'il existe sous le rôle et la fonction de flic, de juge, de procureur, de journaliste, de politique, de manipulateur, de tribun, d'expert en subversion, un être humain qui supporte de plus en plus mal l'absence d'authenticité vécue à laquelle le condamne l'aliénation du mensonge lucratif.
Le souci de surenchère, de plus-value m'est étranger. Je ne suis ni chef, ni gestionnaire d'un groupe, ni gourou, ni maître à penser. Je sème mes idées sans me préoccuper du sol fertile ou stérile où elles tomberont. En l'occurrence, j'ai tout simplement lieu de me réjouir de l'apparition d'un mouvement qui n'est pas populiste - comme le souhaiteraient les fauteurs d'un chaos propice aux magouilles – mais qui est un mouvement populaire, décrétant dès le départ qu'il refuse les chefs et les représentants autoproclamés. Voilà qui me rassure et me conforte dans la conviction que mon bonheur personnel est inséparable du bonheur de tous et de toutes.

Pourquoi un face-à-face stérile entre « gauchisme paramilitaire » et « hordes policières » s'est-il instauré, notamment depuis les manifestations contre la loi travail ? Et comment en sortir ?

Les technocrates s'obstinent avec un tel cynisme à tourmenter le peuple comme une bête prise au piège de leur impuissance arrogante, qu'il faut s'étonner de la modération dont fait preuve la colère populaire. Le black bloc est l'expression d'une colère que la répression policière a pour mission d'attiser. C'est une colère aveugle dont les mécanismes du profit mondial ont aisément raison. Briser des symboles n'est pas briser le système. Pire qu'une sottise, c'est un assouvissement hâtif, peu satisfaisant, frustrant, c'est le dévoiement d'une énergie qui serait mieux venue dans l'indispensable construction de communes autogérées. Je ne suis solidaire d'aucun mouvement paramilitaire et je souhaite que le mouvement des gilets jaunes en particulier et de la subversion populaire en général ne se laisse pas entraîner par une colère aveugle où s'enliseraient la générosité du vivant et sa conscience humaine. Je mise sur l'expansion du droit au bonheur, je mise sur un « pacifisme insurrectionnel » qui ferait de la vie une arme absolue, une arme qui ne tue pas.

Le mouvement des gilets jaunes est-il un mouvement révolutionnaire ou réactionnaire ?

Le mouvement des gilets jaunes n'est que l'épiphénomène d'un bouleversement social qui consacre la ruine de la civilisation marchande. Il ne fait que commencer. Il est encore sous le regard hébété des intellectuels, de ces débris d'une culture sclérosée, qui tinrent si durablement le rôle de conducteur du peuple et n'en reviennent pas d'être virés du jour au lendemain. Eh bien le peuple a décidé de n'avoir d'autre guide que lui-même. Il va tâtonner, balbutier, errer, tomber, se relever mais il a en lui cette lumière du passé, cette aspiration à une vraie vie et à un monde meilleur que les mouvements d'émancipation, jadis réprimés, pilés, écrasés ont, dans leur élan brisé, confiées à notre présent pour les reprendre à la source et en parachever le cours.

Votre conception de l’insurrection est à la fois radicale (refus de dialoguer avec l’Etat, justification du sabotage, etc.) et mesurée (refus de la lutte armée, de la colère réduite à la casse, etc.). Quelles sont les limites de la colère insurrectionnelle ? Quelle est votre éthique de l’insurrection ?

Je ne vois, après la flambée de Mai 1968, d'autres insurrections que l'apparition du mouvement zapatiste au Chiapas, l'émergence d'une société communaliste au Rojava et, oui, dans un contexte très différent, la naissance et la multiplication de Zad, de zones à défendre où la résistance d'une région à l'implantation de nuisances a créé une solidarité du « vivre ensemble.» J'ignore ce que signifie une éthique de l'insurrection. Nous sommes seulement confrontés à des expériences pleines de joies et de fureurs, de développements et de régressions. Parmi les questionnements, deux me paraissent indispensables. Comment empêcher le déferlement des soudards étatiques dévastant des lieux de vie où la gratuité s'accorde mal avec le principe du profit ? Comment éviter qu'une société, qui prône l'autonomie individuelle et collective, laisse se reconstituer en son sein la vieille opposition entre des gens de pouvoir et une base trop peu confiante en ses potentialités créatrices ?

Ni patriarcat ni matriarcat, dites-vous. Pourquoi faut-il aller au-delà du virilisme et du féminisme ? Et qu'entendez-vous par l’instauration de la « prééminence acratique de la femme » ?

Le piège du dualisme, c'est qu'il empêche le dépassement. Je n'ai pas lutté contre le patriarcat pour que lui succède un matriarcat, qui est la même chose à l'envers. Il y a du masculin chez la femme et du féminin chez l'homme, voilà une gamme assez ample pour que la liberté du désir amoureux y module à loisir. Ce qui me passionne chez l'homme et chez la femme, c'est l'être humain. On ne me fera pas admettre que l'émancipation de la femme consiste à accéder à ce qui a rendu le mâle si souvent méprisable : le pouvoir, l'autorité, la cruauté guerrière et prédatrice. Une femme ministre, chef d’État, flic, affairiste ne vaut guère mieux que le mâle qui l'a tenue pour moins que rien.
En revanche, il serait temps de s'aviser qu'il existe une relation entre l'oppression de la femme et l'oppression de la nature. Elles apparaissent l'une et l'autre lors du passage des civilisations pré-agraires à la civilisation agro-marchande des Etats-Cités. Il m'a semblé que la société qui s'esquisse aujourd'hui devait, en raison d'une nouvelle alliance avec la nature, marquer la fin de l'antiphysis (de l'antinature) et, partant, reconnaître à la femme la prépondérance acratique, c'est-à-dire sans pouvoir, dont elle jouissait avant l'instauration du patriarcat. J'ai emprunté le mot au courant libertaire espagnol des acrates.

Dans cet entretien par écrit que Raoul Vaneigem a accordé au journal Le Monde (paru le 31/8/2019) la question suivante à été supprimée ainsi que l'intégralité de la réponse sans en informer l'auteur.

 Pourquoi considérez-vous que l’intellectuel est « un poète qui se renie » et vaines les controverses intellectuelles (du poststructuralisme au féminisme, du survivalisme à l'animalisme) ?


La poésie, c'est la vie. L'intellectuel se glorifie d'une fonction aussi aliénante que la fonction manuelle – toutes deux issues du travail et de sa division. Aux prises avec le corps, dont il dompte les pulsions au lieu de les affiner, il est un esprit dont les idées, si intéressantes qu'elles puissent être, sont coupées du vivant et de cette intelligence sensible qui émane de nos pulsions vitales. Les idées « concoctées par la tête » nourrissent une intelligence abstraite qui ne se départit jamais du pouvoir qu'elle entend exercer sur le corps et sur le corps social.

« La commune révoque le communautarisme », écrivez-vous. Qu’est-ce qui vous permet de penser qu’une fois l’âge de l’autogestion de la vie advenu, les problèmes sociaux (rapport de domination de toutes sortes, misogynie, identitarisme, etc.) seront résolus ? En quoi l’émergence d’un nouveau style de vie mettrait à l’abri de l’égoïsme, du pouvoir et des préjugés ?

Rien n'est jamais acquis mais la conscience humaine est un puissant moteur de changement. Lors d'une conversation avec le « sous-commandant insurgé» Moises, dans la base zapatiste de La Realidad, au Chiapas, celui-ci expliquait « Les Maya ont toujours été misogynes. La femme était un être inférieur. Pour changer cela, nous avons dû insister pour que les femmes acceptent d'exercer un mandat dans la « junte de bon gouvernement », où sont débattues les décisions des assemblées. Aujourd'hui, leur présence est très importante, elles le savent et il ne viendrait plus à un homme l'idée de les traiter de haut. » On a toujours identifié le progrès au progrès technique qui, de Gilgamesh à nos jours, est gigantesque. En revanche si l'on en juge par l'écart entre la population des premières Cités-Etats et les peuples aujourd'hui soumis aux lois du profit, le progrès du sort réservé à l'humain est, tout aussi incontestablement, infime. Peut-être le temps est-il venu d'explorer les immenses potentialités de la vie et de privilégier enfin le progrès non de l'avoir mais de l'être.

En quoi le zapatisme est-il l’une des tentatives les plus réussies de l'’autogestion de la vie quotidienne ?

Comme le disent les zapatistes : « nous ne sommes pas un modèle, nous sommes une expérience. » Le mouvement zapatiste est né d'une collectivité paysanne maya. Il n'est pas exportable, mais il est permis de tirer des leçons de la nouvelle société dont il tente de jeter les bases. La démocratie directe postule l'offre de mandataires qui passionnés par un domaine particulier proposent de mettre leur savoir à la disposition de la collectivité. Ils sont délégués, pour un temps limité, à la « junte de bon gouvernement » où ils rendent compte aux assemblées du résultat de leurs démarches. La mise en commun des terres a eu raison des conflits, souvent sanglants, qui mettaient aux prises les propriétaires de parcelles. L'interdiction de la drogue dissuade l'intrusion des narcotrafiquants, dont les atrocités accablent une grande partie du Mexique. Les femmes ont obtenu l'interdiction de l'alcool, qui risquait de raviver les violences machistes dont elles furent longtemps victimes. L'université de la terre de San Cristobal dispense un enseignement gratuit des métiers les plus divers. Aucun diplôme n'est délivré. Les seules exigences sont le désir d'apprendre et l'envie de propager partout son savoir. Il y a là une simplicité capable d'éradiquer la complexité bureaucratique et la rhétorique abstraite qui nous arrachent à nous-mêmes à longueur d'existence. La conscience humaine est une expérience en cours.
Dans cet entretien par écrit que Raoul Vaneigem a accordé au journal Le Monde (paru le 31/8/2019) la question suivante à été supprimée ainsi que l'intégralité de la réponse sans en informer l'auteur.

Est-il possible de sortir de la spirale des violences ?

Il faut poser la question au gouvernement et lui rappeler le propos de Blanqui : « Oui messieurs, c'est la guerre entre les riches et les pauvres, les riches l'ont voulu ainsi, ils sont en effet les agresseurs. Seulement, ils considèrent comme action néfaste le fait que les pauvres opposent une résistance. Ils diraient volontiers en parlant du peuple : cet animal est si féroce qu'il se défend s'il est attaqué ». Le projet de Blanqui, qui prône la lutte armée contre les exploiteurs, mérite d'être examiné à la lumière de l'évolution conjointe du capitalisme et du mouvement ouvrier, qui luttait pour l'anéantir.
La conscience prolétarienne aspirant à fonder une société sans classe a été une forme transitoire dont l'histoire a revêtu la conscience humaine à une époque où le secteur de la production n'avait pas encore cédé la place à la colonisation consumériste. C'est cette conscience humaine qui resurgit aujourd'hui dans l'insurrection dont les Gilets jaunes ne sont qu'un signe avant-coureur. Nous assistons à l'émergence d'un pacifisme insurrectionnel qui, avec pour seule arme une irrépressible volonté de vivre, s'oppose à la violence destructrice du gouvernement. Car l’État ne peut et ne veut entendre les revendications d'un peuple à qui est arraché graduellement ce qui constituait son bien public, sa res publica.
De toute évidence, la dignité humaine et la détermination opiniâtre des insurgés sont précisément ce qui épargne aux escrocs de la république un déferlement de violence qui les frapperait physiquement jusque dans leurs ghettos d'argent sale. Comble d'absurdité, ceux-ci ne trouvent rien de mieux à faire que de prendre pour cible un mouvement qui leur évite un juste retour de manivelle de leurs violences. Ils excitent leurs chiens de garde médiatiques et policiers. Ils éborgnent, ils emprisonnent, ils assassinent impunément. Ils multiplient les provocations, en exhibant sous les yeux des plus démunis leurs signes extérieurs et dérisoires de richesse. Leur souci de récupérer, sinon d'encourager à bon escient les dévastateurs de poubelles et de vitrines, ne démontre-t-il pas qu'ils ont besoin non d'une vraie guerre civile mais de son spectacle, de sa mise en scène ? Comme chacun sait, le chaos est propice aux affaires.
Les dirigeants n'ont d'autre soutien que le profit, dont  l'inhumanité les ronge. Ils n'ont d'intelligence que l'argent qui en tient lieu. Ils sont la barbarie dont les insurgés ne cesseront d'annuler la légitimité usurpée.
Privilégier l'être humain, s'organiser sans chef ni délégué autoproclamé, assurer la prééminence de l'individu conscient sur l'individualiste bêlant du troupeau populiste, tels sont pour l'insurrection en cours et pour les populations du globe les meilleurs garants de l'effondrement du système oppressif et de sa violence destructrice.

Le climat se réchauffe, la biodiversité s'érode et l'Amazonie brûle. La lutte contre la dévastation de la nature qui mobilise une partie de la population mondiale et de sa jeunesse peut-elle être un des leviers de "l'insurrection pacifiste" que vous prônez ?
L'incendie de la forêt amazonienne fait partie du vaste programme de désertification que la rapacité capitaliste impose aux États du monde entier. Il est pour le moins dérisoire d'adresser des doléances à ces États qui n'hésitent pas à dévaster leurs propres territoires nationaux au nom de la priorité accordée au profit. Partout les gouvernements déforestent, étouffent les océans sous le plastique, empoisonnent délibérément la nourriture. Gaz de schiste, ponctions pétrolières et aurifères, enfouissement de déchets nucléaires ne sont qu'un détail en regard de la dégradation climatique qu’accélèrent chaque jour la production de nuisances par des entreprises qui sont près de chez nous, à portée de main du peuple qui en est victime.
Les gouvernants obéissent aux lois de Monsanto et accusent d'illégalité un maire qui interdit les pesticides sur le territoire de sa commune. On lui impute à crime de préserver la santé des habitants. Voilà où le combat se situe, à la base de la société, là où la volonté d'un mieux vivre jaillit de la précarité des existences.
Dans ce combat, le pacifisme n'est pas de mise. Je veux lever ici toute ambiguïté. Le pacifisme risque de n'être qu'une pacification, un humanitarisme prônant retour à la niche des résignés.
Par ailleurs, rien n'est moins pacifique qu'une insurrection, mais rien n'est plus odieux que ces guerres menées par le gauchisme paramilitaire et dont les chefs s'empressent d'imposer leur pouvoir au peuple qu'ils se vantaient d'affranchir. Pacifisme sacrificiel et intervention armée sont les deux termes d'une contradiction à dépasser. La conscience humaine aura progressé de façon appréciable lorsque les tenants du pacifisme bêlant auront compris qu'ils donnent à l’État le droit de matraque et de mensonge chaque fois qu'ils se prêtent au rituel des élections et vont choisir, selon les libertés de la démocratie totalitaire, des représentants qui ne représentent qu'eux-mêmes, plébiscitant des intérêts publics qui deviendront des intérêts privés.
Quant aux tenants d'une colère vengeresse, on peut espérer que, lassés des jeux de rôles mis en scène par les médias, ils apprennent et s'emploient à porter le fer à l'endroit où les coups atteignent vraiment le système : le profit, la rentabilité, le portefeuille. Propager la gratuité est l'aspiration la plus naturelle de la vie et de la conscience humaine dont elle nous a accordé le privilège. L'entraide et la solidarité festive dont fait montre l'insurrection de la vie quotidienne sont une arme dont aucune arme qui tue ne viendra à bout. Ne jamais détruire un homme et ne jamais cesser de détruire ce qui le déshumanise. Anéantir ce qui prétend nous faire payer le droit imprescriptible au bonheur. Utopie ? Tournez la question comme vous voulez. Nous n'avons d'autre alternative que d'oser l'impossible ou de ramper comme des larves sous le talon de fer qui nous écrase.

Propos recueillis par Nicolas Truong


Biarritz G7

venerdì 30 agosto 2019

Intervista a Raoul Vaneigem realizzata a opera di Nicolas Truong e pubblicata su Le Monde del 31 agosto 2019



le parti soppresse nella versione pubblicata da Le Monde sono state evidenziate in rosso


Un mondo che muore in un mondo che cambia
e viceversa
Da Hong Kong alla Francia, dal Brasile agli Stati Uniti, dal Rojava al Chiapas, l’umano e il disumano si manifestano sempre più diversi, sempre più opposti, sempre più inconciliabili. L’Italia mi sembra invece sedata da una commedia politica secolare che non ha più niente dell’arte. Disfatta l’Italia si finiscono di disfare gli italiani, definitivamente “ignari di Mazzini e Garibaldi” (vecchio detto genovese).
Nell’attesa che il popolo del pesto sfugga alla peste cercando un’uscita dall'’avanspettacolo di una politica ormai demenziale, popolata da maschere di una volgarità e di un’idiozia sconcertante, vi ho tradotto dal vivo questa intervista uscita su Le Monde che mi sembra interessante per tutti i sopravvissuti.
Sergio Ghirardi

Intervista a Raoul Vaneigem
realizzata a opera di Nicolas Truong e pubblicata su Le Monde  del 31 agosto 2019

Qual è la natura della mutazione – o del crollo – in corso? In che senso la fine di un mondo non è la fine del mondo, ma l’inizio di uno nuovo? Qual è questa civiltà che Lei vede timidamente spuntare tra le rovine della vecchia?

Per quanto abbia fallito nel mettere in atto il progetto di un’autogestione della vita quotidiana, il Movimento delle occupazioni, che fu la tendenza più radicale del maggio 1968, ha potuto comunque rivendicare una riuscita di considerevole importanza. Aveva suscitato una presa di coscienza che ha segnato un punto di non ritorno nella storia dell’umanità. La denuncia compatta del Welfare State [Lo Stato provvidenza] lo stato del benessere consumistico, della felicità venduta a rate aveva inferto un colpo mortale a virtù e a comportamenti imposti da millenni che erano considerati delle verità incontrovertibili: il potere gerarchico, il rispetto dell’autorità, il patriarcato, la paura e il disprezzo della donna e della natura, la venerazione dell’esercito, l’obbedienza religiosa e ideologica, la concorrenza, la competizione, la predazione, il sacrificio, la necessità del lavoro.
È emersa allora l’idea che la vita vera non poteva essere confusa con una sopravvivenza che riduce la sorte della donna e dell’uomo a quella di una bestia da soma e da preda. Si è creduto che questa radicalità fosse scomparsa, spazzata via dalle rivalità interne, dalle lotte di potere, dal settarismo contestatore; la si è vista soffocata dal governo e dal Partito Comunista il cui atteggiamento reazionario durante il maggio 68 fu la sua ultima vittoria di Pirro. In effetti, quella radicalità fu soprattutto divorata dalla formidabile ondata di un consumismo trionfante, lo stesso che è oggi rinsecchito, lentamente ma certamente, dall’impoverimento crescente.
Eppure, nonostante il recupero e il lungo soffocamento di questo movimento di emancipazione, qualcosa stava accadendo?
Ci si era dimenticati che l’incitamento forsennato a consumare portava in sé la dissacrazione dei valori antichi. La liberazione fittizia incoraggiata dall’edonismo da supermercato, propagava un’abbondanza e una varietà di scelta che avevano un solo inconveniente: quello di dover essere pagate all’uscita. Ne è scaturito un modello di democrazia in cui le ideologie sfumavano a vantaggio di candidati la cui campagna promozionale era condotta secondo le tecniche pubblicitarie più efficaci. Il clientelismo e il fascino morboso del potere hanno portato a termine la rovina di un pensiero di cui l’ultimo governo francese in ordine di data non teme di esibire l’incredibile degrado (per non parlare di quello italiano NdT).
Cinque decenni hanno fatto dimenticare che sotto la coscienza proletaria, polverizzata dal consumismo, si manifestava una coscienza umana il cui lungo assopimento non ne ha impedito l’improvviso risorgere. La civiltà mercantile non è ormai che il ticchettio di una macchina che fa a pezzi il mondo per sminuzzarlo in profitti borsistici. Tutto s’inceppa dall'’alto. Quel che nasce dal basso e prende la sua sostanza nel corpo sociale, è un senso dell’umanità, una priorità dell’essere. Orbene, l’essere non ha il suo posto nella bolla dell’avere, tra i meccanismi della mondializzazione affarista. Che la vita dell’essere umano e lo sviluppo della sua coscienza affermino ormai la loro priorità nell’insurrezione in corso, è quanto mi autorizza a evocare lo sbocciare di una civiltà in cui per la prima volta la facoltà creatrice inerente alla nostra specie andrà liberandosi della tutela oppressiva degli Dei e dei signori.
Dal 1967 Lei non cessa di descrivere l’agonia della civiltà mercantile. Eppure essa perdura e si sviluppa ogni giorno di più all’epoca del capitalismo finanziario e digitale. Non si trova prigioniero di una visione progressista (o teleologica) della storia che Lei condivide con il neoliberalismo pur combattendolo?
Non so che farmene delle etichette, delle categorie e altri cassetti di stoccaggio dello spettacolo. L’inconveniente di un sistema che s’inceppa è che il suo cattivo funzionamento può durare a lungo. Parecchi economisti urlano come aquile nell’attesa di un crac finanziario ineluttabile. Catastrofismo o no, l’implosione della bolla monetaria è nell’ordine delle cose.
L’effetto auspicabile di un capitalismo che continua a gonfiarsi fino a scoppiare è che, come un governo che in nome della Francia, reprime, condanna, mutila, acceca e impoverisce il popolo francese, incita quelli che stanno in basso a difendere, innanzitutto, la loro vita quotidiana. Stimola la solidarietà locale, incoraggia a rispondere con la disobbedienza civile e con l’autorganizzazione a chi rende redditizia la miseria; invita a riprendere in mano la res publica, la cosa pubblica rovinata ogni giorno di più dalla truffa delle potenze finanziarie. Che gli intellettuali dibattano sui concetti di moda nelle tristi arene dell’egotismo, è un loro diritto.
Mi si permetterà di interessarmi piuttosto alla creatività che sta reinventando nei villaggi, nei quartieri, nelle città, nelle regioni, l’insegnamento rovinato dalla chiusura delle scuole e dall’educazione concentrazionaria; all’inventiva che si sta preoccupando del restauro dei trasporti pubblici; di scoprire nuove sorgenti di energia gratuita; di propagare la permacultura rivitalizzando le terre avvelenate dall’industria agroalimentare; di promuovere l’orticultura e un cibo sano; di festeggiare l’aiuto reciproco e la gioia solidale. La democrazia è nelle piazze non nelle urne.
Parlare di “totalitarismo democratico” o di “cupidigia concentrazionaria” a proposito del nostro mondo è una maniera adeguata di descrivere la realtà oppure è una inclinazione rivoluzionaria esagerata?

Denunciare gli oppressori e i manipolatori non mi pare più necessario, tanto la menzogna è diventata evidente. Il primo venuto dispone di quella che potremmo chiamare la “scala di Trump” per misurare il livello di deficienza mentale dei falsificatori, senza ricorrere al giudizio morale. Tuttavia non è questo l’importante. Ci sono voluti anni di spappolamento cerebrale perché Goebbels potesse stimare che “più una menzogna è grossa, meglio è creduta”. Chi ha oggi sotto gli occhi lo stato del settore ospedaliero e nelle orecchie le promesse di miglioramenti ministeriali non ha alcuna difficoltà a capire che trattare il popolo come una massa d’imbecilli non fa che sottolineare il guasto psicopatologico della gente di potere.
Non ho altra possibilità che scommettere sulla vita. Voglio credere che esista sotto il ruolo e la funzione di poliziotto, di giudice, di procuratore, di giornalista, di politico, di manipolatore, di tribuno, di esperto in sovversione, un essere umano che sopporta sempre meno l’assenza di autenticità vissuta alla quale condanna l’alienazione della menzogna lucrativa.
La preoccupazione di spingere alla rivoluzione, la ricerca di un plus-valore, non mi riguardano. Non sono né capo, né gestore di un gruppo, né guru, né maître à penser. Semino le mie idee senza preoccuparmi del suolo fertile o sterile in cui capiteranno. Nel caso specifico ho semplicemente modo di compiacermi dell’apparizione di un movimento che non è populista – come vorrebbero i fautori di un caos propizio agli intrighi – ed è invece un movimento popolare che fin dall'’inizio ha decretato il rifiuto dei capi e dei rappresentanti autoproclamati. Ecco quel che mi rassicura e mi conforta nella convinzione che la mia felicità personale è inseparabile da quella di tutte e di tutti.

Perché si è instaurato un faccia a faccia tra “gauchismo paramilitare” e “orde poliziesche”, in particolare dopo le manifestazioni contro la legge sul lavoro (La Loi travail dell’otto agosto 2016 – NdT)? E come uscirne?

I tecnocrati si ostinano con un tale cinismo a tormentare il popolo come una bestia presa in trappola dalla loro arrogante impotenza, che c’è da stupirsi della moderazione di cui fa prova la collera popolare. Il Black Bloc è l’espressione di una collera che la repressione poliziesca ha il compito d’istigare. È una collera cieca della quale i meccanismi del profitto mondiale hanno facilmente ragione. Fare a pezzi dei simboli non vuol dire fare a pezzi il sistema. Peggio che una stupidaggine è uno sfogo frettoloso, insoddisfacente, frustrante, è la deviazione di un’energia che sarebbe più utile nell’indispensabile costruzione di Comuni autogestite. Non sono solidale con alcun movimento paramilitare e auspico che il movimento dei Gilet gialli in particolare e della sovversione popolare in generale non si faccia prendere da una collera cieca nella quale s’insabbierebbero la generosità del vivente e la sua coscienza umana. Punto sull’espansione del diritto alla felicità, su un “pacifismo insurrezionale” che farebbe della vita un’arma assoluta, un’arma che non uccide.

Il movimento dei Gilet gialli è un movimento rivoluzionario o reazionario?

Il movimento dei Gilet gialli è soltanto l’epifenomeno di uno sconvolgimento sociale che ratifica la rovina della civiltà mercantile. È solo l’inizio e avviene ancora sotto lo sguardo inebetito degli intellettuali, questi resti di una cultura sclerotizzata che hanno tenuto tanto a lungo il ruolo di guide del popolo e non riescono a capacitarsi di essere messi da parte di punto in bianco. Ebbene il popolo ha deciso di non avere altra guida che se stesso. Brancolerà, balbetterà, sbaglierà, cadrà, si rialzerà ma ha in lui quella luce del passato, quell’aspirazione a una vita vera e a un mondo migliore che i movimenti di emancipazione, un tempo repressi, saccheggiati, schiacciati hanno affidato, nel loro slancio spezzato, al nostro presente per riprenderli alla fonte e completarne il corso.

La sua concezione dell’insurrezione è contemporaneamente radicale (rifiuto di dialogare con lo Stato, giustificazione del sabotaggio, ecc.) e misurata (rifiuto della lotta armata, della collera ridotta alla distruzione, ecc.). Quali sono i limiti della collera insurrezionale? Qual è la sua etica dell’insurrezione?

Dopo la fiammata del maggio 68, non vedo altre insurrezioni se non l’apparizione del movimento zapatista in Chiapas, l’emergenza di una società comunalista nel Rojava, ma anche, in un contesto molto diverso, la nascita e la moltiplicazione di ZAD, zone da difendere in cui la resistenza di una regione all’instaurarsi di nocività ha creato una solidarietà del “vivere insieme”. Ignoro che cosa significhi un’etica dell’insurrezione. Ci troviamo di fronte semplicemente ad esperienze piene di gioie e di furori, di sviluppi e di regressioni. Tra gli interrogativi che emergono, due mi sembrano indispensabili. Come impedire l’imperversare di paramilitari statalisti che devastano i luoghi di vita in cui la gratuità non ha accordi possibili con il principio di profitto? Come evitare che una società che sostiene l’autonomia individuale e collettiva permetta il ricostituirsi nel suo seno della vecchia opposizione tra la gente di potere e una base troppo poco fiduciosa nelle sue potenzialità creatrici?

Né patriarcato né matriarcato, Lei dice. Perché bisogna andare oltre il virilismo e il femminismo? E che cosa intende per l’instaurazione della “preminenza acratica della donna”?

La trappola del dualismo è che impedisce il superamento. Non ho lottato contro il patriarcato affinché gli succeda un matriarcato che è la stessa cosa a rovescio. C’è del maschile nella donna e del femminile nell’uomo, ecco una gamma abbastanza vasta perché la libertà del desiderio amoroso inventi le sue varietà a piacere. Quel che mi appassiona nella donna e nell’uomo è l’essere umano. Non mi si farà ammettere che l’emancipazione della donna consiste nell’accedere a quel che ha reso il maschio tanto spesso disprezzabile: il potere, l’autorità, la crudeltà guerriera e predatrice. Una donna ministro, capo di Stato, poliziotto, affarista non è meglio del maschio che l’ha considerata meno di niente. Per contro, sarebbe ora di rendersi conto che esiste una relazione tra l’oppressione della donna e quella della natura. Entrambe appaiono al momento del passaggio dalle civiltà preagrarie alla civiltà agro mercantile delle Città-Stato. Mi è parso che la società che si abbozza adesso debba, in virtù di una nuova alleanza con la natura, marcare la fine dell’antiphysis (dell’antinatura) e conseguentemente riconoscere alla donna la preminenza acratica – cioè priva di potere – di cui essa godeva prima dell’instaurazione del patriarcato. Ho preso il termine dalla corrente libertaria spagnola degli acrates.

(In questa intervista scritta che Raoul Vaneigem ha concesso al giornale Le Monde (pubblicata il 31/8/2019) la questione seguente è stata eliminata così come l’integralità della risposta senza informarne l’autore.)

Perché Lei considera che l’intellettuale sia “un poeta che si rinnega” e giudica vane le controversie intellettuali (dal post strutturalismo al femminismo, dal survivalismo all’animalismo)?

La poesia è la vita. L’intellettuale si glorifica di una funzione altrettanto alienante della funzione manuale – entrambe derivate dal lavoro e dalla sua divisione. Alle prese con il corpo di cui doma le pulsioni anziché affinarle, è uno spirito le cui idee, per quanto interessanti possano essere, sono separate dal vivente e da quell’intelligenza sensibile che emana dalle nostre pulsioni vitali. Le idee “escogitate dalla testa” nutrono un’intelligenza astratta che non si stacca mai dal potere che intende esercitare sul corpo e sul corpo sociale.

Lei scrive che “la Comune revoca il comunitarismo”. Che cosa le permette di pensare che una volta arrivata l’epoca dell’autogestione della vita, i problemi sociali (rapporto di dominio di ogni tipo, misoginia, ideologia identitaria, ecc.) saranno risolti? In che cosa l’emergere di un nuovo stile di vita metterebbe al riparo dall'’egoismo, dal potere e dai pregiudizi?

Niente è mai acquisito, ma la coscienza umana è un possente motore di cambiamento. Durante una conversazione con il “sottocomandante insorto” Moises, nella base zapatista della Realidad, in Chiapas, egli spiegava che “i Maya sono sempre stati misogini. La donna era un essere inferiore. Per cambiare questo abbiamo dovuto insistere affinché le donne accettassero di esercitare un mandato nella giunta di buon governo in cui sono discusse le decisioni delle assemblee. Oggi la loro presenza è molto importante, le donne lo sanno, e a nessun uomo verrebbe più l’idea di trattarle dall'’alto”. Si è sempre identificato il progresso con il progresso tecnico che da Gilgamesh ai giorni nostri è gigantesco. Tuttavia a giudicare dal divario tra la popolazione delle prime Città-Stato e i popoli odierni sottomessi alle leggi del profitto, il progresso della sorte riservata all’umano è altrettanto incontestabilmente infimo. Forse il tempo è venuto di esplorare le immense potenzialità della vita per favorire infine il progresso dell’essere e non dell’avere.

In che cosa lo zapatismo è uno dei tentativi più riusciti dell’autogestione della vita quotidiana?

Come dicono gli zapatisti: “Noi non siamo un modello, siamo un’esperienza”. Il movimento zapatista è nato da una collettività contadina maya. Non è esportabile ma è possibile trarre lezioni dalla nuova società di cui tenta di gettare le basi. La democrazia diretta postula l’offerta di mandatari che appassionati da un dominio particolare propongono di mettere il loro sapere a disposizione della comunità. Sono delegati, per un tempo limitato, alla giunta di buon governo, dove rendono conto nelle assemblee dei risultati del loro operato. La messa in comune delle terre ha avuto ragione dei conflitti, spesso sanguinosi, che coinvolgevano i proprietari di parcelle. Il divieto della droga dissuade l’intrusione dei narcotrafficanti, le cui atrocità infieriscono su una gran parte del Messico. Le donne hanno ottenuto il divieto dell’alcol che rischiava di ravvivare le violenze machiste di cui sono state a lungo le vittime. L’Università della terra di S. Cristobal dispensa un insegnamento gratuito dei mestieri più diversi. Nessun diploma è rilasciato. Le sole esigenze sono il desiderio di apprendere e la voglia di propagare ovunque il proprio sapere. C’è in questo una semplicità capace di sradicare la complessità burocratica e la retorica astratta che ci strappano a noi stessi durante tutta l’esistenza. La coscienza umana è un’esperienza in corso.


(In questa intervista scritta che Raoul Vaneigem ha concesso al giornale Le Monde (pubblicata il 31/8/2019) la questione seguente è stata eliminata così come l’integralità della risposta senza informarne l’autore.)

È possibile uscire dalla spirale della violenza?

Bisogna porre la questione al governo ricordandogli il proposito di Blanqui:” Sì signori, è la guerra tra ricchi e poveri, i ricchi hanno voluto così e sono loro, in effetti, gli aggressori. Solamente considerano un’azione nefasta che i poveri oppongano una resistenza. Direbbero volentieri, parlando del popolo: questo animale è così feroce che si difende quando è attaccato”. Il progetto di Blanqui, che sostiene la lotta armata contro gli sfruttatori, merita di essere esaminato alla luce dell’evoluzione congiunta del capitalismo e del movimento operaio che lottava per annientarlo.
La coscienza proletaria che aspirava a fondare una società senza classi è stata una forma transitoria con cui la storia ha rivestito la coscienza umana in un’epoca in cui il settore della produzione non aveva ancora ceduto il posto alla colonizzazione consumistica. È questa coscienza umana che risorge oggi nell’insurrezione di cui i Gilet gialli non sono che un segno precursore. Assistiamo all’emergenza di un pacifismo insurrezionale che con la sola arma di un’irreprimibile volontà di vivere, si oppone alla violenza distruttrice del governo. Perché lo Stato non può e non vuole intendere le rivendicazioni di un popolo cui è stato gradualmente strappato quel che costituiva il suo bene pubblico, la sua res publica.
In tutta evidenza, la dignità umana e la determinazione testarda degli insorti risparmiano precisamente agli impostori della repubblica un’ondata di violenza che li colpirebbe fisicamente fin nei loro ghetti di denaro sporco. Per colmo dell’assurdo, essi non trovano niente di meglio da fare che prendere di mira un movimento che evita loro un giusto ritorno al mittente delle loro violenze. Eccitano i loro cani da guardia mediatici e polizieschi. Accecano, imprigionano, assassinano impunemente. Moltiplicano le provocazioni esibendo agli occhi dei più poveri i loro segni esteriori e risibili di ricchezza. La loro preoccupazione di recuperare, se non d’incoraggiare in modo oculato, i devastatori di spazzatura e di vetrine non è forse la prova che hanno bisogno non di una vera guerra civile ma del suo spettacolo, della sua messa in scena? Come ognuno sa, il caos è propizio agli affari.
I dirigenti non hanno altro sostegno che il profitto la cui disumanità li logora. Hanno come sola intelligenza il denaro che ne ha occupato il posto. Sono la barbarie di cui gli insorti non smetteranno di annullare la legittimità usurpata.
Privilegiare l’essere umano, organizzarsi senza capi né delegati autoproclamati, assicurare la preminenza dell’individuo cosciente sull’individualista belante del gregge populista, ecco, per l’insurrezione in corso e per le popolazioni del globo, le migliori garanzie del crollo del sistema oppressivo e della sua violenza distruttrice.

Il clima si surriscalda, la biodiversità si erode e l’Amazzonia brucia. La lotta contro la devastazione della natura che mobilita una larga parte della popolazione mondiale e della sua gioventù può essere una delle leve di quella “insurrezione pacifista” che Lei sostiene?

L’incendio della foresta amazzonica fa parte del vasto programma di desertificazione che la rapacità capitalista impone agli Stati del mondo intero. È per lo meno ridicolo indirizzare delle lamentele agli Stati che non esitano a devastare i loro territori nazionali in nome della priorità accordata al profitto. In ogni dove i governi deforestano, soffocano gli oceani riempiendoli di plastica, avvelenano deliberatamente il cibo. Gas di scisto, estrazioni petrolifere e aurifere, interramento di scorie nucleari sono solo un dettaglio a riguardo del degrado climatico accelerato quotidianamente dalla produzione di nocività da parte d’imprese vicine a noi, a portata di mano del popolo che ne è vittima.
I governi obbediscono alle leggi di Monsanto e accusano d’illegalità un sindaco che vieta i pesticidi sul suo territorio comunale. Lo si accusa di proteggere la salute degli abitanti. Ecco dove si situa la lotta, alla base della società, là dove la volontà di una vita migliore scaturisce dalla precarietà delle esistenze.
In questa lotta il pacifismo non ha spazio. Voglio eliminare ogni ambiguità. Il pacifismo rischia di essere soltanto una pacificazione, un umanesimo che spinge al ritorno alla cuccia dei rassegnati. Del resto niente è meno pacifico di un’insurrezione, ma niente è più odioso delle guerre condotte dal gauchismo paramilitare i cui capi si dedicano a imporre il potere su un popolo che si vantano di liberare.
Pacifismo sacrificale e intervento armato sono i due poli di una contraddizione da superare. La coscienza umana avrà progredito in maniera sensibile quando i sostenitori del pacifismo belante avranno capito di concedere allo Stato il diritto di manganellare e di mentire ogni volta che si prestano al rituale delle elezioni scegliendo, secondo le libertà della democrazia totalitaria, dei rappresentanti che non rappresentano che se stessi, ogni volta che avallano per plebiscito degli interessi pubblici che diventeranno degli interessi privati.
Quanto ai sostenitori di una collera vendicativa, possiamo sperare che stanchi dei giochi di ruoli messi in scena dai mass media, imparino e s’impegnino a portare la stoccata laddove i colpi toccano veramente il sistema: il profitto, la redditività, il portafoglio. Propagare la gratuità è l’aspirazione più naturale della vita e della coscienza umana di cui essa ci ha accordato il privilegio. L’aiuto reciproco e la solidarietà festiva di cui fa mostra l’insurrezione della vita quotidiana sono un’arma di cui nessun’arma letale verrà a capo.
Non distruggere mai un essere umano e non smettere mai di distruggere quel che lo disumanizza. Annientare quel che pretende di farci pagare il diritto imprescrittibile alla felicità.

Utopia? Girate la questione come vi pare. Non abbiamo altra possibilità se non osare l’impossibile o strisciare come larve sotto il tallone di ferro che ci schiaccia.
Biarritz G7 


sabato 10 agosto 2019

Viva la Comune d’Europa!




Un secolo e mezzo dopo che Marx ripeteva a iosa di non essere marxista e mezzo secolo dopo che Bookchin ha scritto “Listen Marxiste!”[1] per denunciare il dogmatismo dei preti rossi (che siano bruni, neri o gialli, poco importa il colore del misticismo) di tutti i paesi e di tutte le ideologie di raccatto, dei nuovi chierichetti sniffano il sovranismo per rivitalizzare il sacro mentre gli ultimi diavoletti libertari prigionieri dello spettacolo si accontentano della foglia di fico di un internazionalismo da salotto.
Con nemici così il capitale non ha più bisogno di amici. Infatti, con l’uso confusionista e reazionario del termine di sovranismo si cortocircuita, banalizzandolo, il tema fondamentale della nazione (concetto evidentemente indispensabile per formulare quello d’internazionalismo) sulla cui falsificazione storico-filosofica si fonda il Leviatano produttivista nella sua forma moderna capitalistica[2].
La civiltà produttivista ha visto la luce con il passaggio dall'’agricoltura organica (legata al valore d’uso) a quella totalmente acquisita al valore di scambio da cui deriva l’economia politica (processo plurimillenario che la coscienza storica e antropologica dominante continua a ignorare – vedi in proposito l’interessante Homo Domesticus di H. C. Scott) e si è manifestata concretamente attraverso la sua struttura gerarchica e patriarcale con la nascita delle città-stato dell’inizio della civiltà agraria e mercantile.
In seguito, dopo millenni di sviluppo della civiltà mercantile fino alla sostituzione dell’ideologia teologica con quella pseudoscientifica dell’economia politica, il passaggio dal Leviatano feudale al Leviatano capitalista si è fatto con la vampirizzazione della nazione antropologica nello Stato-nazione che ha trasformato le gerarchie celesti dell’Ancien Régime nelle gerarchie terrestri della modernità capitalista. Lo Stato nazione è stato il testimone del passaggio nella continuità dall'Ancien Régime aristocratico alla società borghese cosiddetta moderna.
Laddove le radici della nazione organica (la gemeinwesen di cui parlava un Marx assai poco marxista) sono la base per un internazionalismo fraterno – o ancor meglio sororale – il sovranismo (che si realizza attraverso la gemeinschaft, comunità produttivista criticata dal barbuto di Treviri dal quale prende nome il marxismo)[3] è la regressione allo stadio di un nazionalismo che non basta esecrare a parole se si vuole respingere la peste emozionale fascista in agguato. Questa è, infatti, una patologia per sua natura ferocemente aggressiva contro barbari e stranieri, presunti invasori di una nazione trafficata (Stato-nazione), paranoica e bellicosa, ridotta a un territorio accerchiato da nemici e predatori, la cui popolazione, odiante e impaurita, è in cerca di nuovi spazi vitali e mitici posti al sole. Così, in effetti, lo Stato mascherato da nazione giustifica la sua intrinseca tendenza alla predazione imperialista che lo spinge a dominare il nemico preso di mira per taglieggiarlo e schiavizzarlo secondo le esigenze del produttivismo mercantile e guerriero, patriarcale e caratterialmente fascista.
Opporre al sovra nazionalismo della fase terminale del capitale (la cui tendenza è la concentrazione monopolistica del potere attraverso la riduzione del numero di Stati partecipanti alla mondializzazione mercantile) la nazione fantasma dello Stato sovrano del produttivismo arcaico, equivale a proporre la città-stato invece della Comune. Perché sia chiaro: la Comune è la città emancipata dallo Stato e autogestita da liberi cittadini. Con essa la cittadinanza, decisa ad abrogare lo Stato nella città e nel mondo, riprende in mano la gestione della vita quotidiana attraverso l’assemblea locale e le assemblee allargate progressivamente per mezzo di deleghe revocabili e sotto permanente controllo della base popolare.
La città-stato e lo Stato-Nazione sono stati le strutture dell’evoluzione alienante del principio gerarchico necessario allo sfruttamento di genere e di classe da parte delle minoranze dominanti durante tutta la civiltà produttivista: clero, guerrieri e mercanti hanno inventato dappertutto lo Stato per imporre e dominare il mercato nella città, nella nazione e nel mondo. La mondializzazione è iscritta fin dal principio nella società produttivista e ha trovato nell’industrializzazione i mezzi per realizzare il suo sogno artificiale, al prezzo dell’incubo della distruzione progressiva della vita naturale.
All’Europa sovranazionale di oggi (cioè un super Stato ancora meno controllabile che gli Stati nazione da parte dei cittadini di ogni Comune locale delle diverse nazioni antropologiche) non si tratta di opporre il sovranismo nazionale passato, ma la federazione delle comunità locali autonome, future e presenti.
Come hanno capito i Curdi del Rojava e gli zapatisti del Chiapas, non si tratta di elemosinare alle istanze statali l’indipendenza, ma di conquistare l’autonomia dallo Stato fino alla sua abrogazione decisa da una federazione di libere Comuni a democrazia diretta[4] In effetti, emerge finalmente la coscienza collettiva che la democrazia reale è incompatibile con lo Stato e con una democrazia parlamentare che è l’ultima truffa capitalistica della lotta di classe e di genere.
Per quanto riguarda il vecchio continente europeo, questa transizione in via di affermazione ineluttabile – ormai necessaria per salvare la sopravvivenza stessa della specie – sarà il passaggio dal super Stato europeo produttivista[5] alla Comune d’Europa, elaborata come federazione dei Consigli di tutte le Comuni locali, regionali e plurinazionali delle diverse popolazioni europee.
Certo, questo cammino verso la liberazione di donne e uomini dal feticismo della merce è ancora tutto da compiere, ma è imperativo cominciare a formularlo concretamente per arginare il confusionismo che opera a 360 gradi in favore del mantenimento del Leviatano statalista e produttivista. Il desiderio di liberarsi del vampiro che succhia il sangue umano da millenni è impellente e destinato a crescere intensamente di fronte al crollo ormai tangibile del sistema dominante e dell’industrialismo tecnocratico che ne è l’essenza. Una civiltà sta finendo e i servitori volontari piagnucolosi di un sovranismo desueto non hanno alcuna voce in capitolo nell’emancipazione dei popoli, degli individui e delle loro felicità desiderabili.
Che i sacrestani del vecchio mondo raccolgano il loro marxismo stantio per mescolarlo alla rinfusa con il liberalismo, il misticismo, il fascismo e tutte le altre ideologie che continuano a regolare i loro conti tra gerarchie autoritarie contro la volontà e il desiderio di emancipazione dei popoli.
Oltre che auspicabile, un altro mondo che comprenda molti mondi è l’unico ancora possibile.
Sergio Ghirardi, 14 luglio 2019
  


[1] Questo interessante articolo di Bookchin del 1969 è stato tradotto malamente in francese “Ascolta compagno!” (come se tutti i “compagni” fossero marxisti) mentre “Ascolta Marxista!” della traduzione italiana del 1979 di Post Scarcity Anarchisme, è una delle rare frasi non tradotte male di quell’illeggibile versione, fortunatamente esaurita ma purtroppo ancora reperibile su Internet (Il testo in questione, Oltre la penuria, l’anarchismo in una società d’abbondanza, è stato da me totalmente ritradotto da più di un anno e attende pazientemente un editore antiproduttivista).
[2] Nato come superamento del mondo feudale, il modo di produzione capitalista è arrivato ormai alla fase terminale dell’ideologia della crescita infinita in un mondo finito, diventando un modo di distruzione della biosfera e della vita che ne dipende.
[3] Marx distingueva la comunità organica, naturale (gemeinwesen) da quella artificiale, produttivista (gemeinschaft).
[4] Plausibile o no, questo è il vero obiettivo del municipalismo di Bookchin e compagnia.
[5] Europeo, cinese, indiano o americano che sia, un super Stato è sempre il risultato di un amalgama di precedenti Stati canaglia nazionali preesistenti, essi stessi nati sulle rovine di nazioni antropologiche violentate. Ogni Stato, passato, presente e futuro è lo sfruttatore di culture, lingue, costumi e produzioni di beni comuni privatizzati nel tempo da un qualche potere imperiale e/o federale. Dalle città-Stato agli Stati-nazione, fino ai super Stati recenti della mondializzazione, tutti sono responsabili di genocidi e stermini per arrivare al fine imperialista globale del Leviatano produttivista.